close

  • Essere fedele alla mia Patria, la Repubblica di Polonia
  • HOME

  • 31 dicembre 2014

    È il titolo di una pubblicazione del tutto eccezionale che abbiamo il piacere di presentare ai lettori. Il libro pubblicato in tre lingue – italiano, polacco e inglese – è una trascrizione del dibattito che si è svolto il 6 giugno 2014 in Vaticano nell’ambito della conferenza organizzata dall’Ambasciata di Polonia presso la Santa Sede con la collaborazione dell’Accademia Pontificia delle Scienze nell’anno della canonizzazione di Giovanni Paolo II e del 25° anniversario dell’Annus mirabilis in Polonia e in Europa centro-orientale.

    Ecco come presenta la pubblicazione Piotr Nowina-Konopka,  Ambasciatore della Repubblica di Polonia presso la Santa Sede nell'introduzione al libro:
     
    "Con grande gioia consegno nelle mani dei Lettori la trascrizione di un dibattito insolito, che si era svolto il 6 giugno 2014 in Vaticano, nell’ambito della conferenza organizzata dall’Ambasciata di Polonia presso la Santa Sede con la collaborazione dell’Accademia Pontificia delle Scienze. 
    Dopo un quarto di secolo dalle elezioni libere in Polonia, le prime dalla fine della seconda guerra mondiale, festeggiavamo solennemente il venticinquesimo anniversario della libertà polacca. L’intero 2014 è per noi un anno dei ricordi e della memoria di quel Annus mirabilis in cui, grazie all’attività di san Giovanni Paolo II e all’attività dell’opposizione democratica sostenuta dalla Chiesa, non solo abbiamo iniziato in Polonia il processo di rinascita della nostra nazione dopo gli anni della schiavitù nazista e comunista ma abbiamo anche dato la speranza ad altre nazioni nella nostra parte dell’Europa, la speranza che forse quell’epoca cupa potrà essere chiusa.
    Ed ecco, un quarto di secolo più tardi, ci siamo incontrati come una famiglia di persone libere e di nazioni libere nell’Europa Unita. Un accento speciale è stato dato a questo incontro il 27 aprile quando papa Francesco ha canonizzato il papa del Concilio San Giovanni XXIII e il papa polacco, il papa slavo, San Giovanni Paolo II il Grande.
    Il dibattito “La Chiesa e la svolta degli anni 80 e 90 nell’Europa centro–orientale” ha riunito i protagonisti e diretti testimoni degli eventi di allora. Sarebbe un peccato condannare le loro testimonianze all’oblio e non trasmetterle a un gruppo di lettori più vasto. Sia per questa ragione sia perché fedeli all’antico adagio scripta manent abbiamo deciso di racchiudere il dibattito in un libro.
    Ancora una volta ringrazio cordialmente tutte le persone che hanno contri­buito al successo della conferenza e della pubblicazione che vi stiamo per consegnare e cioè agli oratori, ai partecipanti, ai traduttori e agli organizzatori".
     
     

    Edizione integrale:

     
     
     

     

    Print Print Share: